Suino Nero delle Alpi:

Partecipazione

 

Rete alpina Pro Patrimonio Montano (PatriMont)

 

Home
Attuale
Sviluppo storico
Alpicoltura
Vantaggi della razza
Recenti scoperte
Progetto Salvataggio
Marchio
Partecipazione
Fattorie visita
Contatti

 

 

Altri progetti di
Pro Patrimonio Montano:

Mucca Bisa

Pecora Ciuta

Gallina Tirolese

  

Materiale promozionale (Downloads):

 

Consigli sull'allevamento all'aperto:

- Downloads (PDF):

- Links:

 

Documenti per allevatori e
Condizioni per la partecipazione nell'allevamento:

A titolo di spiegazione:
Il Suino Nero e Maculato delle Alpi deve diventare di nuovo una specie autoctona nella sua originaria zona di diffusione (area delle Alpi Centrali e Orientali). Per pre-servare le sue qualità come la robustezza, la sobrietà, la redditività e l'idoneità alla montagna, deve essere allevato in aree che presentano condizioni montane. Nella scelta delle persone interessate all'allevamento gioca perciò un ruolo di fondamen-tale importanza il fatto che l'ubicazione dell'azienda ovvero il sito dell'allevamento sia nell'area alpina (area della convenzione alpina), preferibilmente in siti montani con pascolo durante la stagione di crescita delle piante o con possibilità di praticare l'alpeggio. Un foraggiamento di tipo estensivo, preferibilmente con alimenti di propria produzione, va a vantaggio della salute degli animali e della qualità della loro carne. Si prediligono perciò anche delle gestioni aziendali di tipo biologico / organico rispetto a quelle di tipo convenzionale.

Condizioni da rispettare nella pratica dell'allevamento:

  • Assunzione di un gruppo da allevamento con verro. Nessun altro verro di un'altra razza (pericolo d'incrocio)
  • Contribuzione agli sforzi sostenuti da PatriMont per portare avanti l'allevamento(si vedano gli accordi)
  • Nessuna cessione di giovani verri non castrati fuori dell'allevamento
  • Allevamento degli animali in stalle prive di riscaldamento con libertà di uscita in spazi per muoversi non coperti
  • Per lo meno durante la stagione della crescita delle piante libertà di movimento in superfici verdi a pascolo alterno (pascolo di rotazione), dove per motivi tecnico-veterinari bisogna garantire una recinzione sicura (problematica cinghiali)
  • Per quanto possibile alpeggio degli animali con libertà di pascolo / possibilità di pascolo sull'alpe
  • Nessun utilizzo di misure zootecniche come la levigatura dei denti, la mozzatura della coda o l'intaccatura delle orecchie. Per quanto riguarda la castrazione, si dia uno sguardo ai consigli per l'allevamento
  • Seguire i consigli di PatriMont sull'allevamento e l'alimentazione secondo scienza e coscienza.

 

 

 

Tipi pezzati e maculati del Nero delle Alpi 

 

Per i sostenitori e mecenati:

Tutti i partecipanti al progetto sono volontari. Tuttavia sempre piccole e grandi spese cadono.
Siamo quindi lieti per ogni contributo. Questi sono deducibili dalle tasse in Svizzera e presto anche in Italia.

Grazie per il vostro contributo su uno dei seguenti conti bancari:

Rete alpina Pro Patrimonio Montano
Schneebergstr. 17, CH-9000 San Gallo, Svizzera

- Conto in EUR, Austria
Dornbirner Sparkasse, BIC: DOSPAT2DXXX
IBAN: AT88 2060 2000 0038 9072

- Conto in CHF, Svizzera
Swiss Postfinance, BIC: POFICHBEXXX
IBAN: CH38 0900 0000 8956 7476 4

_________________________________________

- Assoc. Pro Patrimonio Montano - Suedtirol
Fraktion Afing / Frazione Avigna 40
39050 Jenesien / San Genesio Atesino

POSTE ITALIANE S.P.A., succursale Bolzano 5
IBAN: IT03 W 076 0111 6000 0103 2230 649
BIC: BPPIITRRXXX

- Assoc. "PatriMont Valtellina e Valchiavenna"
Via Cà Berardi 35/A, 23010 Albosaggia (SO)
Mail:
patrimont.valtellina@gmail.com

Banca Popolare di Sondrio, succursale Albosaggia
IBAN: IT92 Q056 9652 3900 0004 0785 X90
BIC: POSOIT22XXX (senza zero)